Skip to content

Dichiarazione di non detenzione

Nel tuo caso non devi pagare il canone. Se la tua utenza è di tipo domestico residenziale, è sufficiente presentare la dichiarazione di non detenzione che trovi sul sito dell'Agenzia delle entrate. Compila il Quadro A della dichiarazione e ricorda che vale un anno

Lo trovi sul sito dell'Agenzia delle entrate. Oltre che dal nostro sito, puoi scaricarlo anche dal sito www.canone.rai.it

Devi presentarlo all'Agenzia delle entrate, via web o per raccomandata. Se sei registrato ai servizi telematici puoi inviarlo direttamente. Se invece non sei registrato, puoi rivolgerti al Caf o a un intermediario abilitato perchè provvedano loro all'invio web. Oppure puoi spedirlo per posta. Invia un plico raccomandato senza busta insieme a un documento di riconoscimento valido a questo indirizzo: Agenzia delle Entrate – Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti Tv – casella postale 22 – 10121 Torino

Devi presentare una nuova dichiarazione. Compila la sezione "Dichiarazione di variazione dei presupposti" contenuta nel Quadro A. A partire dal mese in cui la presenterai ti addebiteremo il canone. Puoi trovare il modello di dichiarazione sul sito dell'Agenzia delle entrate

Devi presentare la dichiarazione sostitutiva dal 1° luglio 2016 al 31 gennaio 2017. Per la richiesta di esonero per il secondo trimestre i termini sono invece dal 1 febbraio al 30 giugno del 2017.

Se non sei già titolare di un'altra utenza residenziale, non paghi il canone se presenti la dichiarazione entro la fine del mese successivo alla data di attivazione della fornitura elettrica

Sì, purché riporti la firma digitale. Devi inviarla a cp22.sat@postacertificata.rai.it entro gli stessi termini previsti per le altre modalità di invio

Si va incontro a responsabilità anche di tipo penale

Puoi presentare la dichiarazione sostitutiva se sei titolare di un’utenza elettrica domestica residenziale. Puoi farlo sia a tuo nome sia come erede di una persona deceduta che abbia ancora intestata temporaneamente l’utenza elettrica

Le dichiarazioni presentate dal 1° gennaio 2016 su modelli non conformi a quello approvato con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate, sono valide a condizione che siano rese ai sensi dell’articolo 47 del DPR n. 445/2000 e contengano tutti gli elementi richiesti dal modello di dichiarazione approvato per la specifica tipologia di dichiarazione resa. Puoi verificare quali sono tutti dati richiesti consultando il modello di dichiarazione presente sul sito dell'Agenzia delle entrate

Dal 2017 i termini di efficacia delle dichiarazioni di non detenzione sono i seguenti:

  • dichiarazione presentata dal 1° febbraio al 30 giugno: esonera dall’obbligo di pagamento per il secondo semestre dello stesso anno;
  • dichiarazione presentata dal 1° luglio al 31 gennaio dell’anno successivo: esonera dall’obbligo del pagamento per l’intero anno successivo.

Al termine del periodo di validità (quindi sei mesi nel primo caso e un anno nel secondo) ricominciano gli addebiti in bolletta, a meno che non si presenti una nuova dichiarazione.

I soggetti che attivano un'utenza elettrica per la prima volta nel corso dell’anno, e che non siano già titolari di altra utenza residenziale nell’anno di attivazione, saranno esonerati dall’obbligo di pagare il canone, a decorrere dalla data di attivazione della fornitura, qualora presentino la dichiarazione entro la fine del mese successivo alla data di attivazione della fornitura stessa. La dichiarazione presentata dopo tale scadenza ha effetto secondo i termini previsti per le utenze elettriche già attive

L’Agenzia delle entrate farà dei controlli a campione volti ad appurare la veridicità delle dichiarazioni sostitutive ai sensi di quanto previsto dall’art. 71 del d.P.R 445/2000

La dichiarazione di non detenzione presentata tra l’1 febbraio e il 30 giugno ha effetto per il canone dovuto per il semestre luglio – dicembre 2017. L’importo da corrispondere in questo caso sarà pari a 45,94 euro.